Calciomercato LIVE

Il Cosenza non vince in casa dal lontano 21 gennaio

S. Vito Marulla
S. Vito Marulla

Sono 21 sui 59 totali i punti conquistati in trasferta dal Cosenza, prossimo avversario del Trapani calcio. L’ultima trasferta stagionale della regular season dei calabri ha portato in dote l’ottava vittoria  in campionato, lontano dal S. Vito Marulla, che è anche la quarta consecutiva.  Numeri che la dicono lunga sulla disparità di rendimento della formazione guidata da Braglia tra partite disputate in casa e gare giocate lontano dalle mura amiche. Se i rossoblu possono vantarsi di essere infallibili nei blitz esterni, non si può dire lo stesso delle partite disputate di fronte al pubblico amico, dove il successo manca dal lontanissimo 21 gennaio.

Il 2-1 firmato da Corsi e Pascali, ottenuto contro il Matera di mister Auteri (fresco di nuova penalizzazione pesante) è finora l’unica vittoria casalinga di marca silana dell’anno 2018. Dopo sono arrivati quattro pareggi contro Siracusa (0-0), Reggina (1-1), Akragas (0-0) e Catanzaro (0-0); e due sconfitte contro Lecce (0-1) e Rende (0-3). Un magrissimo bottino che aumenta il rammarico per la tifoseria cosentina riguardo a traguardi migliori. Di contro la roboante vittoria esterna al Fanuzzi contro il Francavilla che ha garantito l’aritmetico accesso ai play off e nel contempo la sicurezza di disputare almeno il primo turno sul prato rinverdito del “S. Vito Marulla”. Una notizia che ha fatto storcere il muso a tanti, considerata la carenza di successi interni, anche se è bene ricordare come tale diritto consenta di poter usufruire di due risultati su tre per accedere allo step successivo. Quattro delle cinque reti sono arrivate dagli attaccanti, un’altra nota lieta alla quale lo staff cosentino non era più abituato. Nella stagione in cui la sterilità offensiva è risultata essere la vera palla al piede della compagine di Fontana prima e Braglia poi, le marcature di Tutino (doppietta), Perez e Okereke hanno fatto tirare un sospiro di sollievo.  Tutti adesso sperano che il reparto avanzato si sia svegliato in vista delle prossime occasioni. Domenica c’è da consolidare il quinto posto della graduatoria al cospetto dei granata di Alessandro Calori che non lascerà nulla d’intentato per difendere il piazzamento d’onore alle spalle della neo promossa Lecce. E’ chiaro che la compagine trapanese si augura che continui il digiuno di vittorie interne iniziato il 21 gennaio continui e che il risveglio degli attaccanti, almeno per domenica, abbia una pausa.

I presupposti sembrano far ben sperare anche se la statistica vorrebbe ben altro. Il Trapani auspica, infatti, che il Cosenza inizi a riprendere contatto con le vittorie tra le mura amiche in altra occasione.   

Antonio Ingrassia