Calciomercato LIVE

Trapani: è lecito attendersi di tutto ma finora solo ipotesi

Vittorio Morace
Vittorio Morace

E’ molto facile indicare, dopo una cocente delusione che tutto stà andando a rotoli e che il giocattolo Trapani và frantumandosi giorno dopo giorno. I proclami per cercare di vendere più copie o di attirare più letture dei giorni scorsi non hanno alcun fondamento. Sono solamente testi dettati dalla fantasia personale di ogni cronista che ipotizza e diffonde le proprie considerazioni. E’ chiaro che la amarezza la fa da padrone per tutto l’ambiente ma è chiaro che dalla Spagna la proprietà del Trapani calcio non ha aperto alcun megafono per indicare che vuole a tutti i costi lasciare la mano. Ripetiamo, solo pensieri ma null’altro. Non bisogna abboccare al minimo titolo o al primo concetto disarmante per lanciarsi sul toto presidente. Nessuno è interessato al Trapani in questo momento. E nemmeno la famiglia Morace ha intenzione di regalare al primo arrivato un giocattolo ben costruito negli anni a suon di sacrifici. Tutto è possibile ma prima di emettere sentenze bisogna attendere le disposizioni dettate dalla società che non tarderanno ad arrivare. E’ un lampante momento di riflessioni ma dal dire al fare c’è sempre di mezzo il mare, quel mare tanto amato dal patron Vittorio che non è tipo da abbandonare la propria nave durante la tempesta. Di conseguenza bisogna attendere qualche giorno con serenità senza dar conto a chi cerca i titoloni. Di chi ha scritto nessuno ha avuto contatti con Morace né è volato in Spagna per origliare dietro la porta della famiglia che ha in mano la società. Di certo c’è che Calori non allenerà più i granata e che probabilmente Maurizio Ciaramitaro potrebbe assumere un ruolo importante. Riguardo all’allenatore i nomi più ricorrenti sono quelli di Boscaglia (libero) e Auteri, che ha da poco lasciato il Matera e che farebbe carte false per venire a Trapani. Sul fronte mercato,  il difensore Pasquale Fazio è cercato insistentemente dall'Avellino e potrebbe andare in Campania. Per il resto è ancora presto ma, sotto sotto, la carne cuoce, anche perché il caldo ha cominciato a farsi sotto e l’estate per i calciatori dura poco. I tifosi hanno fretta ma si sa che quest’ultima sa fare solo gattini ciechi e di gente cieca ne abbiamo vista fin troppa. Adesso c’è solo bisogno di pulire il parabrezza e vederci molto più chiaro. Le novità, quelle vere, sono in arrivo. E’ necessario solo essere pazienti.

Antonio Ingrassia