Calciomercato LIVE

Il Trapani con i fari spenti perde a Cosenza segnando un gol vitale

S. Vito Marulla
S. Vito Marulla

Il Cosenza continua ad essere la bestia nera del Trapani e vince la quarta gara della stagione al S. Vito Marulla per 2-1. Sembrava quasi fatta per i padroni di casa ma un gol nel finale del granata Polidori nel finale ha scompaginato i piani della formazione di Braglia.

Trapani molto timido nella prima fase della partita. Più intraprendente nella ripresa ma, a parte il gol, nessuna conclusione degna di tal nome verso la porta calabra. Sicuramente da rivedere.

Per la cronaca nei primi venti minuti il Cosenza ha tre occasioni clamorose con D’Orazio e Tutino che fanno andare su tutte le furie il tecnico granata Calori. La squadra di Braglia si mostra abbastanza volitiva colpendo sulle fasce.

A centrocampo il Trapani non copre adeguamente e ciò causa distrazioni. Nella zona nevralgica del campo i granata si trovano in difficoltà. Sembra un motivo di ordine psicologico. Non sanno se difendersi o attaccare, loro che sono abituati a fare gioco.

Poi sembra che i granata riescano a prendere le contromisure. La gara ha una fase di stanca. Al 38’ si rivede il Cosenza con una fiammata di Okeleke sul quale esce a valanga Furlan e respinge.

Nella ripresa i calabri passano al 52’ con Tutino che approfitta di una palla vagante in area e porta in vantaggio la propria squadra. Al 61’ risponde il Trapani con un tiro di punizione di Corapi sul quale vola ottimamente il portiere di casa.

Al 67’ è ancora Tutino a saltare Furlan ma perde l’attimo giusto e manda alle ortiche. Il Trapani non c’è. Calori tenta la doppia carta al 69’: entrano Rizzo e Polidori per Bastoni e Murano. La situazione tattica rimane uguale.

Il Cosenza inserisce il difensore centrale d’esperienza Pascali. Calori risponde con Scarsella al posto di Palumbo, in serata no. A mettere tutti d’accordo ci pensa il Cosenza che raddoppia al 79’ con Okeleke su azione confusa in area.

Calori ha l’idea Campagnacci e lo inserisce per Evacuo. Il Trapani cerca di tessere la tela ma non riesce a pungere. I granata riprendono fiato e trovano la rete al 92’ con Polidori che cattura un passaggio all’ indietro di un difensore calabro e mette nel sacco.

Nei secondi finali Campagnacci non tenta la conclusione diretta e perde l’occasione. Per Calori “il ritorno è recuperabile se il Trapani avrà più intensità e oserà di più. Il gol nel finale è moralmente importante”.

Il tecnico di casa Braglia indica che “abbiamo fatto una cavolata. Peccato per i ragazzi che hanno disputato una grande partita. Complimenti per come hanno lottato. Al ritorno sarà un terno al lotto. Per me le possibilità sono 51% Trapani e 49 noi”.   

Antonio Ingrassia